Tu sei qui:HomeAteneoRettoratoUfficio StampaConferenze stampaPresentazione decalogo elettrosmog

Presentazione decalogo elettrosmog

Conferenza stampa del 20 giugno 2017
Quando 20/06/2017
dalle 09:30 alle 11:00
Dove Sala del Rettorato (Palazzo Ateneo, Bari)
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal




Presentazione decalogo elettrosmog. Dieci consigli utili per ridurre l'esposizoine all'inquinamento elettromagnetico.
La Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) organizza per il  20 Giugno 2017, alle ore 9.30, nella Sala del Rettorato dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro una conferenza stampa per presentare il decalogo "elettrosmog. Dieci consigli utili per ridurre l'esposizoine all'inquinamento elettromagnetico".
Interverranno il Magnifico Rettore Prof. Antonio Felice Uricchio, Componente del Comitato Scientifico di SIMA,  Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia,  Antonio Decaro, Sindaco di Bari e Presidente ANCI, Raniero Guerra, Direttore Generale Prevenzione del Ministero della Salute e  Alessandro Miani, Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale.
L’inquinamento elettromagnetico (elettrosmog) e la conseguente esposizione ai campi elettromagnetici non ionizzanti tende sempre a crescere a causa dell’introduzione nell’ambiente di nuove e svariate sorgenti artificiali come ad esempio impianti di telecomunicazioni, dispositivi elettronici Wi-Fi, telefoni cellulari, linee elettriche ad alta tensione. Mentre sono ormai ben chiari e noti gli effetti sanitari relativi a esposizioni acute dell’organismo umano all’elettrosmog, i possibili effetti a lungo termine sono ancora in fase di studio e risultati ottenuti dalle varie ricerche scientifiche provocano un acceso dibattito. Il risultato di tale dibattito è evidente se si considera che nel 2011 l’autorevole Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici non ionizzanti come cancerogeni di gruppo 2B, ovvero l’agente è un possibile cancerogeno per gli esseri umani, la stessa categoria a cui appartengono piombo, cloroformio,naftalene, stirene.
Azioni sul documento
Pubblicato il: 16/06/2017 
archiviato sotto: